Farmaci per perdere peso, l'accusa per la pattinatrice riminese Venerucci: il legale, 'ipotesi senza fondamento'

Farmaci per perdere peso, l'accusa per la pattinatrice riminese Venerucci: il legale, 'ipotesi senza fondamento'
Attualità Rimini 16:44 12 ottobre 2017

Nessun doping assunto, ma l'ipotesi per cui la pattinatrice riminese Sara Venerucci è coinvolta nel procedimento a carico del medico-nutrizionista Guido Porcellini, riguarda utilizzo di farmaci allo scopo di perdere peso. Un'ipotesi accusatoria definita comunque destituita di fondamento da Moreno Maresi, avvocato dell'atleta. La Venerucci, spiega il legale, è stata sottoposta a diversi controlli antidoping, sia durante le competizioni, sia a sorpresa, lontani della stesse. Controlli che hanno sempre dato esito negativo.


La nota dell'avvocato Moreno Maresi


In merito alle notizie di stampa apparse su alcuni mezzi di informazione  e relative ad una vicenda giudiziaria attinente la nota pattinatrice riminese Sara Venerucci sono stato incaricato dalla stessa di comunicare quanto segue.

Le supposte responsabilità ascritte a Sara Venerucci, attengono un ipotizzato utilizzo di farmaci al solo scopo di “ perdere peso “ e non certamente per altre finalità; peraltro tale ipotesi appare destituita di fondamento. 

E che Sara Venerucci , dopo la squalifica del 2009, abbia sempre gareggiato nel pieno rispetto delle regole e del leale svolgimento delle competizioni è dimostrato in modo inequivocabile dai frequenti controlli antidoping a cui la stessa è stata sottoposta, nel periodo interessato,  e che hanno sempre fornito esito negativo.

Nello specifico Sara Venerucci è stata sottoposta ai controlli Anti Doping, sia nel corso delle competizioni che in periodi diversi e lontani dalle competizioni, sempre con esito negativo, dagli organismi competenti nei seguenti periodi:                                                                                   

20.04.2012 nel Corso del Raduno Nazionale a Rimini* 02.07.2013 a Rimini * 13.07.2013 durante i Campionati Italiani  a Roccaraso* 13.11.2013 durante i Campionati Mondiali in Cina * 02.07.2014 a Rimini * 26.07.2014 durante i Campionati Italiani  a Roccaraso * 04.09.2014 a Rimini

Sara Venerucci si è laureata Campione del Mondo specialità Coppia artistica negli anni 2010 (Portogallo) 2011 (Brasile)  2012 ( Nuova Zelanda ) e 2013 (Cina ); mentre nel 2014 la pattinatrice riminese è diventata Campione Italiano e , nel 2015 nella specialità “ quartetto” ha vinto la medaglia d’oro ai Campionati Italiani, ai Campionati Europei e ai Campionati del Mondo da ultimo disputati in Colombia. Nel 2016 invece medaglia d’argento ai Campionati Italiani e ai Campionati del Mondo ( Novara) mentre nel 2017 medaglia d’argento ai Campionati del Mondo (Cina).                          

Pertanto appare evidente che, nonostante la frequenza dei controlli alla quale veniva sottoposta Venerucci Sara e le innumerevoli competizioni, anche di natura internazionale a cui la stessa ha partecipato, la stessa è risultata sempre negativa ai controlli, a prova dell’integrità dell’atleta e della sua propensione al rispetto delle regole sportive.

Avv. Moreno Maresi

Attualità
Segnalazioni su WhatsappSegnalazioni via Whatsapp
al numero 347 8809485